Sotterraneo – Parte I: il trionfo della morte

19 giugno, ore 21:30 al Teatro Rossi Aperto (Via Collegio Ricci 1, Pisa)

SOTTERRANEO è una performance visivo-musicale in quattro parti liberamente ispirata a “Underworld” di Don DeLillo, romanzo cult sulla contemporaneità della letteratura americana. Gli Stati Uniti d’America, emblema dell’Occidente, diventano il punto di partenza per riflessioni e suggestioni sullo spazio e il tempo che attraversiamo. La performance nasce dalla musica, nata a sua volta dalla cicatrice del romanzo, ispiratore di un tipo di spettacolo che cerca di scavare suoni e immagini per dare forma audio-visiva alla parola e, allo stesso tempo, per riflettere sull’Italia, sulle immagini e sui suoni della nostra tradizione.

La prima parte della performance è “Il trionfo della morte”, prologo del romanzo, e corrisponde a una composizione musicale suonata e disegnata dal vivo sulle tracce del libro dagli American Splendor con Silvia Rocchi, pittrice, illustratrice e fumettista. Una composizione aperta a momenti d’improvvisazione sia musicale, sia pittorica.

SOTTERRANEO è una performance ideata da Maria Teresa Soldani (chitarre, synth, drones, loops). La prima parte, “Il trionfo della morte”, è stata composta con Fausto Caricato (pianoforte, synth, drones, loops).

AMERICAN SPLENDOR è un progetto d’interazione tra la musica e le altre arti guidato da Maria Teresa Soldani, filmmaker e musicista. Nel passato sono state sonorizzate opere d’arte (“Asporto” di Rocco D’Emilio), sessioni di live painting (con Redville ad Artintown, Torino) e reading (“Compagni di banco” di Giusi Marchetta e Christian Frascella alla rassegna Roland Macchine e Animali, Milano). Nel 2014 è uscito l’album “Crash” (C- Frames Production, Goatman Records), concept album realizzato tra Torino e Austin in Texas, cui hanno partecipato Ramon Moro (3quietmen), Simone Stefanini (Verily So, Small Giant), Michele Sarda e Enrico Viarengo (New Adventures in Lo-Fi, Neverwhere).

SILVIA ROCCHI, disegnatrice, nasce a Pisa nel 1986. Ha un collettivo col quale realizza i propri fumetti autoprodotti, La Trama, piccola realtà nell’editoria indipendente. È autrice unica della biografia a fumetti di Alda Merini (“Ci sono notti che non accadono mai”, 2012) e di quella di Tiziano Terzani (“L’esistenza delle formiche, 2013) per Beccogiallo. Ha disegnato la storia scritta da Francesca Riccioni, “Il segreto di Majorana” nel 2015 per Rizzoli Lizard. Nello stesso anno vince il premio Nuove Strade assegnato ai giovani disegnatori dal festival Napoli Comicon.

CONDIVIDI:

Non è più possibile commentare.